A fil di cielo

FedeGuida Alpinismo

La mia più grande passione in montagna è proprio camminare a “fil di cielo” sulle creste, più sono affilate e più mi diverto, più mi emoziono. Ti senti piccolo, piccolo ma fortunato di poter camminare in testa a questi giganti…

Qualche giorno fa squilla il telefono, è Lorella. Subito mi svela un sogno suo e di Piero, quello di camminare su una delle più belle e spettacolari creste delle Alpi: i Lyskamm!!!

Che fare…andiamo! Mi informo veloce sulle condizioni, sono ottime, la meteo spettacolare e allora? Via che si parte!

I Lyskamm sono due cime di oltre 4500 metri collegati da un esile cresta nevosa lunga 4 kilometri. Si è una delle creste più belle di tutto l’arco alpino. Non è particolarmente difficile ma ci va un passo ben fermo e allenamento alla quota per poter portarsi a casa questa grandiosa traversata…

Formiamo due cordate, viene in nostro aiuto il mio amico Carlo anche lui una brava guida alpina. Legarsi in più di due alla stessa corda sarebbe troppo rischioso.

Partiamo di buon ora dalla Capanna Gnifetti 3647m per raggiungere il Col del Lys 4248m. Da qui con il sole che albeggia inizia il divertimento! Subito affrontiamo la famosa pinna di squalo che ha reso famosa la traversata dei lyskamm, eccezionale, le condizioni sono super e troviamo anche una bella traccia che ci facilita la progressione. Da qui in poco tempo raggiungiamo il Lyskamm Orientale a 4527m. Ora si vede tutto lo sviluppo della cresta e quanta strada abbiamo ancora da fare.

Il sole sta nascendo, il panorama è straordinario, a perdita d’occhio, che bello essere quassù!!!

Continuando a fare gli equilibristi passiamo le famose roccette, che inquietano più di un alpinista e in breve tempo raggiungiamo la cima del Lyskamm Occidentale a 4479m!

Siamo felici, scappa anche qualche lacrimuccia…strafortunati di essere quassù e di aver portato a termine una meravigliosa traversata a fil cielo. Ancora qualche momento di concentrazione per scendere il ripido pendio che ci porta al colle del Felik a 4061m e poi non ci resta che farci scivolare giù fino al rifugio Quintino Sella 3585m dove ci aspettano delle favolose tagliatelle al pesto!!!

Bravi Bravi Bravi a Piero e Lorella che, in poco meno di 6 ore, si sono intascati questa traversata strepitosa!!! Sono sicuro sarà la prima di una lunga serie…gli occhi non mentono mai…eravate felici lassù!!!